Critica” è una rivista diretta da Luca Rossi. La rivista è mensile e spedita tramite posta ordinaria o in formato PDF tramite e-mail.

Finalmente una lettura critica per mostre, opere d’arte e progetti artistici, che andrà ad argomentare luci e ombre, e non si limiterà a sviluppare il comunicato stampa.

Non ci sarà pubblicità proprio per evitare che alcuni articoli e servizi vengano fatti in modo dipendente e prono rispetto allo sponsor di turno.

Per questo motivo c’è bisogno del sostegno di tutti coloro che desiderano finalmente una rivista d’arte che faccia veramente critica d’arte in Italia. Pratica che anche a livello internazionale è ormai sparita in favore dei “curatori d’arte” che si limitano a selezionare. 

E’ possibile sostenere la nascita della rivista d’arte “critica” attraverso una campagna di autofinanziamento che trovate scorrendo in basso su questa pagina.

Per ogni donazione è prevista una RICOMPENSA. 

Senza la pretesa di verità assolute ma con il desiderio di stimolare un confronto critico utile ben oltre i confini del sistema dell’arte.

L’arte verrà posta in relazione ai principali temi di attualità come fosse una lente che permette di sperimentare e allenare la nostra capacità di “vedere”. 

Per maggiori informazioni: lucarossicampus@gmail.com /3478864509

E’ possibile sostenere la nascita della rivista d’arte “critica” attraverso una campagna di autofinanziamento:

Per ogni tipologia di donazione è prevista una ricompensa (è possibile richiedere anche i numeri arretrati alla mail lucarossicampus@gmail.com) :

Donazione di 8 Euro > 3 numeri mensili gratis via e-mail in formato PDF

Donazione di 20 Euro > 3 numeri mensili gratis via posta ordinaria 

Donazione di 15 Euro > 6 numeri mensili gratis via e-mail in formato PDF

Donazione di 40 Euro > 6 numeri mensili gratis via posta ordinaria

Diverse Donazioni da 49 a 90 Euro > che hanno come ricompensa alcune opere della serie “Freeze Masters” e TRE NUMERI della Rivista CRITICA >>> CLICCA QUI per vedere le opere disponibili o per personalizzare la tua opera

Donazione di 80 Euro >  12 numeri mensili gratis in formato PDF + Un’opera a scelta della Serie “Museo Diffuso/Freeze Masters” tra quelle che hanno una mela rossa prima del titolo tra le opere disponibili su Instagram >>> vedi opere disponibili su Instagram

Donazione 120 Euro > 6 numeri mensili gratis PDF + opera a scelta della Serie “Museo Diffuso/Freeze Masters” (vedi opere disponibili su Instagram)

Donazione di 240 euro > 12 numeri mensili gratis in PDF + 2 opere a scelta della Serie “Museo Diffuso/Freeze Masters” (vedi opere disponibili su Instagram

Donazione di 500 euro > 12 numeri mensili gratis + Visita guidata di Luca Rossi che imita “Alberto Angela” in un Museo di Arte Contemporana in Italia + una “Lingua di Luca Rossi” opera in serie limitata realizzata durante la Residenza Bocs Arte + opera a scelta della Serie “Museo Diffuso/Freeze Masters” (vedi opere disponibili su Instagram

 

 

Il sommario di Marzo-Aprile 2019 : 

1) Biennale di Venezia 2019: solo due artiste italiane invitate alla mostra internazionale. Ma il problema non è questo.

2) “Museo fluido” in Italia e nel mondo. Esiste già un museo senza pareti a cui tutti possiamo partecipare? 

3) La cultura insegna a vedere? Un parallelo tra il libro “Cecità” di Saramago e la situazione della politica italiana e internazionale

4) Visione esclusiva, per gli abbonati a CRITICA, di un video con “Alberto Angela” che cerca la “bellezza” alla Fiera di Arte Contemporanea “Artissima 2018”. Da NON PERDERE.

Il sommario di Gennaio-Febbraio 2019 : 

1) L’arte contemporanea come palestra per ogni disciplina fino alla nostra vita privata e alla politica.

2) Perchè i curatori d’arte non vogliono la critica d’arte? L’appiattimento del senso critico permette a tutti di fare tutto, non in ragione di meriti ma di favoritismi.

3) La morte dell’arte contemporanea in favore di un nuovo modernariato che potremo chiamare “ikea evoluta”

4) Visione esclusiva, per gli abbonati a CRITICA, di un video con “Alberto Angela” che cerca la “bellezza” in un museo di arte contemporanea. Da NON PERDERE.

Il sommario di Dicembre 2018: 

1) Ikea evoluta e Giovani Indiana Jones: segno di declino o forse no?

2) Amazon Echo e la crisi del liberismo tra intelligenza artificiale e global warming

3) Viaggio al centro della Galleria P420: la crisi del contemporaneo e come risolverla.

4) Paola Pivi a Miami al Bass Museum e il Clan Cattelan

5) Un viaggio alla scoperta della bellezza…in un museo di arte contemporanea

Il sommario di Novembre 2018: 

1) I 10 Migliori Artisti Italiani del momento e il VADEMECUM per il collezionista: come salvarsi nel collezionismo italiano e internazionale.

2) Arte e intelligenza artificiale. Quali prospettive tra grandi banalità e una nuova natura dell’opera d’arte.

3) Il museo del futuro. Una madre con un maxxi mambo a distanza macro, in altre parole museion.

4) L’Hitler di Cattelan e l’Anna Frank di Fujiwara. Il museo delle cere preso d’assalto dall’arte. Da Duane Hanson ai giorni d’oggi.

5) “Alberto Angela” tra musei e fiere. Report #Artissima2018. Chi sale e chi scende, e Premio Altermodern. É possibile raggiungere un pubblico ampio con l’arte contemporanea?

6) Ricostruire il senso: un progetto in Francia.

Il sommario di Ottobre 2018: 

1) Fake News e Arte Contemporanea. L’opera come salvagente.

2) Giorgio Andreotta Calò: fare l’artista ad ogni costo per non diventare scaricatore di porto.

3) La Bellezza Contemporanea. Cosa è bello oggi?

4) Neo Colonialismo, Esterofilia e Snobbismo Radical Click nell’arte contemporanea: il caso di Centrale Fies.

5) Il corpo dello spettatore: Marina Abramovic a Firenze.

6) Yellow, una mostra da fermi.

Il sommario di Settembre 2018: 

1) Il sistema dell’arte italiano e l’artista unico. Samorì, Andreotta Calò, Berti, Trevisani, Cuoghi, Arena, e molti altri sono lo stesso artista in una concezione aziendalista e omologata dell’arte.

2) Quando guadagnano artisti e curatori? Le scuole d’arte creano disoccupati? Parleremo di una modalità economicamente sostenibile per fare l’artista e il curatore oggi.

3) I nodi del contemporaneo e le tre vie possibili. Cosa possono imparare gli artisti e i curatori da Google, Amazon, Apple e Facebook?

4) I giudizi e i voti ai curatori italiani e la loro “competizione dominante” con gli artisti comunemente intesi.

5) Una nuova idea di “formazione” per un nuovo ruolo dove oggetto, autore e spettatore sembrano fondersi e confondersi. Cosa significa oggi formare gli artisti e creare uno spazio di interesse e passione per il pubblico.

6) Slovenia Project: una nuova idea di opera, museo e artista.