Author: Luca Rossi

Tate Modern

>>>> VISIT NOW ” BEING THERE” (the first art show that is always where you are right now) The text has been translated from Italian into English with Google Translate. In so doing, the text deliberately maintains a level of approximation and imperfection that allows a more engaged, interactive, and open reading of the artwork and intentions. The italian text version follows the english one:  The fingertips have never been so much used in the world in recent years. The sculpture you see installed at the Tate Modern in London has been realized with the fingertips of his left...

Read More

Nuovo attentato in Francia

    Vi starete chiedendo perché fotografare una teca vuota. Si sono chiesti la stessa cosa decine di turisti che qualche mese fa si dirigevano verso la biglietteria dell’Abbazia di Senanque, uno dei siti turistici più visitati al mondo. Centinaia di persone che con pullman e mezzi propri arrivano a Gordes per visitare la famosa Abbazia Cistercense. Come facilmente immaginabile ogni senso religioso, ogni spiritualità, risultano limitate e soffocate da decine di selfie, dal vociare delle scolaresche, dai tempi serrati richiesti da visite guidate che sembrano vere “catene di montaggio”. Ma ecco che sulla via della biglietteria compare una...

Read More

La prima opera d’arte sulla Luna

Il rinnovato Museo Pecci di Prato inaugurerà la nuova sede a settembre e sta preparando una supermostra sul tema della “Fine del Mondo”. Il Direttore Fabio Cavallucci ha scritto una coinvolgente introduzione alla mostra, dove rende evidente la grandezza dell’universo, la presenza di distanze abissali che provocano una vertigine se immaginate. Solitamente usciamo di casa per recarci a una mostra, e faranno così anche i visitatori del Museo Pecci. Gli spettatori entrano nella stanza della mostra sempre alla ricerca di qualcosa, esattamente come l’astronauta si lancia nello spazio alla ricerca di qualcosa. Ma cosa stiamo cercando? Vorrei presentarvi un’opera che è stata...

Read More

Ricoprire nuovamente le statue dei Musei Capitolini

Bene. Adesso, se li avessero già tolti, riportiamo quei pannelli bianchi e ricopriamo nuovamente la statue dei Musei Capitolini. Le statue di Roma coperte in occasione della visita del Presidente iraniano Hassan Rohani, non solo rappresentano la condizione dell’Italia ma di tutto l’occidente contemporaneo. La mia proposta è di lasciare le statue coperte come se questa fosse una precisa scelta artistica. La nostra dignità e la nostra cultura non stanno in quelle statue ma in noi, nei valori che sappiamo vivere nella vita di ogni giorno. Quelle coperture bianche sembrano essere tornate “cubi di marmo” da cui ogni cittadino è richiamato...

Read More