Author:

L’Amaca di Luca Rossi (1)

Procediamo per assurdo. Domani avremo un governo ideale, eletto democraticamente dalla maggioranza degli italiani. Crediamo davvero che possano cambiare le cose? L’occupazione, l’economia, l’immigrazione, la scuola eccetera eccetera? L’occupazione dipende in massima parte dall’andamento dei mercati che a sua volta dipende da una dinamica globale non controllabile; l’Italia, essendo in europa, ha delegato la politica monetaria, rimane solo la politica fiscale che con un debito pubblico enorme non offre alternative. Immaginiamo una famiglia che ha un grosso debito, quali scelte potrebbe fare? Purtroppo poche, se non risparmiare il più possibile. La situazione dell’Italia può essere parificabile ad una famiglia...

Read More

Dittatura evoluta e democrazia privata

La formazione di un nuovo governo non è per nulla scontata, nonostante i graffiti alla Banksy che nella capitale ritraggono un bacio “alla francese” tra Salvini e Di Maio. Fa riflettere pensare come la politica italiana, nell’ennesimo atto di auto-castrazione, abbia cambiato una legge elettorale che solo 5 anni fa avrebbe permesso la governabilità immediata. Ma si sa che in politica, almeno nella politica italiana, se non si può vincere meglio far saltare il tavolo da gioco e non permettere a nessuno di vincere, ossia governare. Se ci pensate questo menù limitato e queso impasse mettono fortemente sotto pressione...

Read More

Elezioni politiche 2018: come fossimo in terza elementare.

  “Devi andare a votare poco convinto, devi fare il tuo intervento” (Giorgio Gaber)   Io non ho votato, perché tutti i leader politici in queste elezioni hanno cercato di assomigliarsi. Siamo stati chiamati a votare sensazioni e simpatie, sfumature. Chiunque conosca le politiche degli stati moderni sa che ogni governo può, nel 2018, percorrere solo una strada politica. Non è tanto “cosa” si decide di fare, ma “come” lo si decide di fare. Oltre ovviamente alle sensazioni e simpatie amplificate realmente, per la prima volta, dai social in queste elezioni 2018. Dopo la caduta delle contrapposizioni ideologiche del...

Read More

Perchè valorizzare un giovane artista oggi è un boomerang pericoloso?

Negli ultimi 20 anni in Italia l’arte contemporanea ha fatto molta fatica nel ritagliarsi uno spazio di dignità all’interno del dibattito pubblico. Questo è avvenuto e avviene per diverse ragioni.   La prima è sicuramente il peso dell’arte antica del passato che rischia sempre di monopolizzare l’attenzione quando si parla di arte e cultura. Unito a questo si dice che “l’arte contemporanea” è difficile anche se lo studio dell’arte del passato implica anche maggiori difficoltà nel godere di un linguaggio spesso anacronistico e legato ad altre epoche. Va detto che tutta l’arte può essere considerata contemporanea, ma sicuramente la...

Read More