Month: March 2018

Dittatura evoluta e democrazia privata

La formazione di un nuovo governo non è per nulla scontata, nonostante i graffiti alla Banksy che nella capitale ritraggono un bacio “alla francese” tra Salvini e Di Maio. Fa riflettere pensare come la politica italiana, nell’ennesimo atto di auto-castrazione, abbia cambiato una legge elettorale che solo 5 anni fa avrebbe permesso la governabilità immediata. Ma si sa che in politica, almeno nella politica italiana, se non si può vincere meglio far saltare il tavolo da gioco e non permettere a nessuno di vincere, ossia governare. Se ci pensate questo menù limitato e queso impasse mettono fortemente sotto pressione...

Read More

Elezioni politiche 2018: come fossimo in terza elementare.

  “Devi andare a votare poco convinto, devi fare il tuo intervento” (Giorgio Gaber)   Io non ho votato, perché tutti i leader politici in queste elezioni hanno cercato di assomigliarsi. Siamo stati chiamati a votare sensazioni e simpatie, sfumature. Chiunque conosca le politiche degli stati moderni sa che ogni governo può, nel 2018, percorrere solo una strada politica. Non è tanto “cosa” si decide di fare, ma “come” lo si decide di fare. Oltre ovviamente alle sensazioni e simpatie amplificate realmente, per la prima volta, dai social in queste elezioni 2018. Dopo la caduta delle contrapposizioni ideologiche del...

Read More