One Second Sculpture  various material. Luca Rossi, Tate Modern, 2016. 

>>>> VISIT NOW ” BEING THERE” (the first art show that is always where you are right now)



The text has been translated from Italian into English with Google Translate. In so doing, the text deliberately maintains a level of approximation and imperfection that allows a more engaged, interactive, and open reading of the artwork and intentions. The italian text version follows the english one: 



The fingertips have never been so much used in the world in recent years. The sculpture you see installed at the Tate Modern in London has been realized with the fingertips of his left hand, in a second. At the same time, in a second, it is possible fruirla. This without moving from where you are. We can say that this sculpture is always where you are to see the documentation.



When the jew people had to flee their own land was forced to move from the idea of the monument to the idea of the document. The idea of permanent installation to greater flexibility and fluidity that would allow to survive. Nicolas Bourriaud, in the book “rooting”, speaks of altermoderno to describe that attitude that follows the postmodern era. In the words of Nicolas Taleb, famous economist, we can talk of “antifragile”. That is an attitude that allows to act and react to the crisis state. If globalization forwarded and the speed of movement of things, products and information, leading to a state of instability and insecurity, we need a new attitude that you inoculate in networks that suffocate us. An attitude that may become even more flexible. In particular, a new concept of speed. The work that you see it is very fast and at the same time still. A nomadic property, where the works, author and viewer are immobile but at the same time very fast because in the same time and same place. An excerpt from the book “The rooting” by Nicolas Bourriaud, which coincides with the thought that Nicolas Taleb describes in his book “Antifragile”:





“Rather than suffering or resist it by inertia, global capitalism seems to have made its streams, the speed, the nomadism? Then we have to be even more mobile. Do not make us coerce, compel, and force to greet the stagnation as an ideal. L ‘ World imagery is dominated by flexibility? We invent new meanings for it, inoculate the long term and the very slow speed to the heart rather than oppose them rigid postures and nostalgic. the strength of this emerging thinking style resides in compliant protocols on the way: it is to elaborate a nomadic thought that organizes itself in terms of circuits and experiments, and no permanent installation, Prospectives built. at the precariousness of the experience oppose a thought resolutely precarious that it fits and inoculation in the same networks that suffocate us. “



Nicolas Bourriaud





But at the same time we can also quote the words of Fernando Pessoa, when he speaks of the journey:



“If I imagine, I see. What else do I do if I trip? Only the extreme weakness of the imagination justifies that we should move to hear.”

Fernando Pessoa





This is not a hymn to immobility, or an incitement to not travel. The opposite. It is to achieve greater awareness on what it means to “travel” and what it means today to learn about the world around us. The awareness that even reading the documentation of something means to live an experience, and we perceive the world mostly through no direct experience, although sometimes we do not have full knowledge of this. We can only imagine the work at the Tate Modern, and there is no need to move and go to London. The resources to implement and benefit from the work are equal to zero. A sort of ecology of art where even the weather, true scarce resource, is optimized. All takes place in a second, remains the maximum time to do anything else. The sculpture lives in an instant, and as a “black hole” has sucked all the process that goes from power the lights in the studio until the last spectator leaves the museum.



Anyone standing still, can realize a similar work. Who then is Mr Rossi? It seems significant that in “selfie” occurs as well as a coincidence of author and (first) viewer, also a coincidence between author, spectator and content. Ie the content is customizable so that the content is the same person. The content is us. Then the content is irrelevant, while also making its way in which we manage the content themselves. The “selfies” would be entirely devoid of interest if we could not keep it or communicate it to other people. Anyone can be “Luca Rossi”, exactly how anyone can be a spectator and content of the work. And here’s a third useful quote:





Cy Twombly: (silence)

“People do not want to make more public nor the student, wants to enter into the thing, that he feels that there is already inside.”



But understand that what is left? What to do in the time that the work of art at the Tate Modern saves us? A marketing rule tells us that if the product or service is free, the product is us. But it is more interesting to see the work as an excuse to discover new tools far beyond the purely artistic field. That is why contemporary art in recent years, very careful to entertain and to become a sort of amusement park for adults, is particularly reprehensible. Ie they lose business and at the same time it proposes a form of entertainment destined to disappoint and lose when compared to other forms of entertainment much more effective. Perhaps the problem lies in the claim that many people are to be moved to visit a place, as if in search of something not well defined. In the case of “One Second Sculpture” viewers can stay where they are. As if to emphasize that the really important area, the really important museum, is what we have around us every day. And this space also becomes a political space if we look at the political trend of the main national states. And ‘now clear that the policies of these states are floating policy, designed to maintain the status quo rather than lead to a material change. If it is a change that we need the only viable political space remains our private space, domestic and local levels. A decision made in this space that is 10-20 times the choice may take a head of state. This finding liability, much simpler load of expectations the head of state as the one who holds the happiness and welfare of each individual citizen.








ITALIAN VERSION




I polpastrelli non sono mai stati utilizzati così tanto nel mondo come negli ultimi anni. La cultura che vedere installata presso la Tate Modern di Londra è stata realizzata con i polpastrelli della man sinistra, in un secondo. Allo stesso tempo, in un secondo, è possibile fruirla. Questo senza muoversi da dove vi trovate. Potremo dire che questa scultura è sempre dove vi trovate a vederne la documentazione. 



Quando il popolo ebreo dovette fuggire dalla propria terra fu costretto a passare dall’idea di monumento all’idea di documento. Dall’idea di installazione permanente ad una maggiore flessibilità e fluidità che potesse permettere di sopravvivere. Nicolas Bourriaud, nel libro Il Radicante, parla di di altermoderno per descrivere quello che avviene dopo l’era postmoderna. Per usare le parole di Nicolas Taleb, famoso economista, potremo parlare di antifragile. Ossia un atteggiamento che permetta di agire e reagire allo stato di crisi. Se la globalizzazione inoltrata e la velocità di spostamento di cose, prodotti e informazioni, portano ad una condizione di instabilità e precarietà, serve un nuovo atteggiamento che si inoculi nelle reti che ci soffocano. Un’atteggiamento che possa diventare ancora più flessibile. In particolare un nuovo concetto di velocità. L’opera che vedete infatti è velocissima e allo stesso tempo immobile. Una nomadismo immobile, dove opere, autore e spettatore sono immobili ma allo stesso tempo velocissimi perché sempre nello stesso tempo e nello stesso luogo. Segue un estratto da il libro Il Radicante di Nicolas Bourriaud, che coincide con il pensiero che Nicolas Taleb descrive nel suo libro “Antifragile”:




“Invece che subirla o resistervi per inerzia, il capitalismo globale sembra aver fatto propri i flussi, la velocità, il nomadismo? Allora dobbiamo essere ancora più mobili. Non farci costringere, obbligare, e forzare a salutare la stagnazione come un ideale. L’immaginario mondiale è dominato dalla flessibilità? Inventiamo per essa nuovi significati, inoculiamo la lunga durata e l’estrema lentezza al cuore della velocità piuttosto che opporle posture rigide e nostalgiche. La forza di questo stile di pensiero emergente risiede in protocolli di messa in cammino: si tratta di elaborare un pensiero nomade che si organizzi in termini di circuiti e sperimentazioni, e non di installazione permanente, perennizzazione, costruito. Alla precarizzazione dell’esperienza opponiamo un pensiero risolutamente precario che si inserisca e si inoculi nelle stesse reti che ci soffocano.” 

 

Nicolas Bourriaud




Ma allo stesso tempo potremo citare anche le parole di Fernando Pessoa, quando parla del viaggio: 

“Se immagino, vedo. Che altro faccio se viaggio? Soltanto l’estrema debolezza dell’immaginazione giustifica che ci si debba muovere per sentire.”

Fernando Pessoa 
 

Non si tratta di un inno all’immobilità, o un incitamento a non viaggiare. Il contrario. Si tratta di raggiungere una maggiore consapevolezza sul cosa significhi viaggiare e su cosa significhi oggi conoscere il mondo che ci circonda. La consapevolezza che anche leggere una documentazione significa fare un’esperienza diretta, e che percepiamo il mondo in massima parte tramite esperienze non dirette, anche se a volte non abbiamo piena consapevolezza di questo. Possiamo solo immaginare l’opera alla Tate Modern e non c’è alcun bisogno di muoversi e andare a Londra. Le risorse per realizzare e fruire l’opera sono pari allo zero. Una sorta di ecologia dell’arte dove anche il tempo, vera risorsa scarsa, viene ottimizzato. Tutto infatti avviene in un secondo, rimane il massimo tempo per fare altro. La scultura vive in un istante, che come un “buco nero” ha risucchiato tutto il processo che va dall’accensione delle luci nello studio dell’artista fino all’ultimo spettatore che esce dal museo. 



Chiunque rimanendo immobile può realizzare quella scultura. Chi è dunque il Sig. Rossi? Mi sembra significativo che nel “selfie” avvenga oltre ad una coincidenza di autore e (primo) spettatore, anche una coincidenza tra autore, spettatore e contenuti. Ossia il contenuto è così personalizzabile che il contenuto siamo noi. Quindi il contenuto è del tutto irrilevante, mentre diventa rilevante la modalità con cui gestiamo i contenuti stessi. Il “selfie” sarebbe del tutto privo di interesse se non potessimo conservarlo o comunicarlo ad altre persone. Chiunque può essere “Luca Rossi”, esattamente come chiunque può essere spettatore e contenuto dell’opera. Ed ecco una terza citazione utile: 




Cy Twombly : (silenzio)
“La gente non vuole fare più pubblico nè l’allievo, vuole entrare nella cosa, ossia sente che c’è già dentro.”
 

Ma capito questo cosa rimane? Cosa fare il tempo che l’opera d’arte alla Tate Modern ci fa risparmiare? Una regola del marketing ci dice che se il prodotto o il servizio sono gratis il prodotto siamo noi. Ma forse è più interessante vedere l’opera come la scusa per scoprire nuovi strumenti utili ben oltre l’ambito prettamente artistico. Per questo motivo l’arte contemporanea degli ultimi anni, molto attenta a intrattenere e a diventare una sorta di luna park per adulti, è particolarmente criticabile. Ossia si perdono opportunità e allo stesso tempo si propone una forma di intrattenimento destinata a deludere e a perdere se paragonata ad altre forme di intrattenimento. Forse il problema sta nel pretendere che molte persone si debbano muovere per visitare un luogo, quasi alla ricerca di qualcosa di non ben definito. Nel caso di “One Second Sculpture” gli spettatori possono rimanere dove sono. Quasi a voler sottolineare come lo spazio realmente importate, il museo davvero importante, sia quello che abbiamo quotidianamente intorno a noi. E questo spazio diventa anche uno spazio politico se guardiamo all’andamento politico dei principali stati nazionali. E’ ormai evidente come le politiche di questi stati siano politiche di galleggiamento, atte a mantenere lo status quo piuttosto che portare a cambiamento rilevanti. Se è di un cambiamento che abbiamo bisogno l’unico spazio praticabile semmai essere, ancora una volta, il nostro spazio privato, domestico e locale. Una scelta presa in questo spazio vale 10-20 volte la scelta che può prendere un capo di stato. Questa constatazione responsabilizza, molto più semplice caricare di aspettative il capo di stato come colui che ha in mano la felicità e il benessere di ogni singolo cittadino.